A 13 anni usa Facebook per salvare i cani randagi

13anniPassa molto tempo su Facebook. È normale per essere una ragazza di 13 anni. Ma lei è un’adolescente particolare perché condivide le foto e le storie di cani. Non i suoi cani, ma quelli randagi di Bucarest. È la storia di Ana-Maria Ciulcu, ragazzina dalla straordinaria sensibilità che ha deciso di spendere tutto il suo tempo libero a favore dei quattrozampe. Il dramma dei randagi in Romania è purtroppo ormai noto: nel settembre scorso viene approvata una legge che mira a ridurre drasticamente il problema del randagismo, ma che, di fatto, è una strage quotidiana di animali: invece di sterilizzare gli animali come hanno fatto per anni molte associazioni animaliste, vengono rinchiusi in canili in attesa solo di essere soppressi. Foto e video mostrano la situazioni per le vie del Paese, ma Ana-Maria le vede in prima persona, quotidianamente.

La ragazza si chiama Ana-Maria Ciulcu ed ha aperto una pagina Facebook (clicca qui) dove posta tutte le immagini dei randagi che incontra. Ogni giorno passa due ore del suo tempo a selezionare chi si fa avanti per l’adozione perché ci tiene molto al futuro dei “suoi cani”: «Mi piace pensare che i miei cani andranno a coricarsi sul divano di casa – racconta la ragazza alla Reuters -. Per questo motivo la prima domanda che faccio è: “Lo terrai alla catena?”».

Ana-Maria parla perfettamente tedesco e anche per questo è stato più facile riuscire a far trovare casa a 150 cani in Germania e Austria. Uno sforzo importante visto che tutti i costi per le medicine, vaccinazioni, sterelizzazioni, microchip e passaporti sono sostenuti dalla famiglia di Ana-Maria (circa 150 euro a cane). Il trasporto del cane alla nuova famiglia è a carica di chi effettua l’adozione.

È una goccia rispetto al mare dei 60mila cani che si muovono senza meta alla ricerca di cibo e acqua per le strade di Bucarest. Ma di certo è una soluzione migliore rispetto ai soldi spesi dallo Stato per la cattura e la soppressione dei cani che entro due settimane non vengono reclamati o adottati: in due mesi ne sono stati uccisi duemila animali, mentre altri 800 sono in attesa della triste fine. (lastampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *