5 modi per aumentare durata (e longevità) della batteria smartphone

BATTERIA-SMARTPHONEVibrazione, notifiche, app in background, metodi di ricarica sbagliati, i dettagli che portano la batteria del tuo smartphone a perdere la sua capacità sono moltissimi. Per fortuna esistono diversi modi per prolungare la vita della tua batteria

In mezzo a una montagna di nocive leggende metropolitane, esistono una serie di buone pratiche che possono aiutarti ad accudire come si deve la delicata e suscettibile batteria del tuo smartphone. Eccone alcune.

1. Fai a meno di quello che non serve

La connettività Wi-Fi ad esempio, quella GPS e quella Bluetooth. Quando non stai usando queste funzionalità la cosa migliore è disattivarle, poiché finiscono per assorbire energia inutilmente (oltre a costituire, in alcuni casi, una costante esposizione al rischio del furto dei tuoi dati). Lo stesso vale per le app che vengono lasciate attive in background e per le notifiche inutili. È inoltre importante imparare a gestire bene lo schermo, regola la luminosità su un valore medio e mantieni basso il timeout dello schermo.

2. Usa app salva batteria

Se sei troppo pigro per occuparti di tutti gli aspetti descritti al punto 1, puoi sempre affidarti a una delle tante applicazioni disponibili nei vari App Store specificamente studiate per aiutarti a risparmiare carica e a occuparti della batteria del tuo smartphone come un bravo padrone. Ne esistono di vari tipi, ma tra tutte una delle migliori è JuiceDefender.

3. Attento a come lo carichi

Prima cosa, evita di lasciarlo scaricare del tutto, le batterie agli ioni di litio tendono a danneggiarsi se vengono lasciate scaricare del tutto. In secondo luogo, dimentica il dogma secondo cui la batteria debba essere lasciata scaricare per poi essere ricaricata al 100% (quello valeva per le batterie al nickel). La cosa migliore da fare è fare in modo che rimanga il più spesso possibile sopra la barra del 50%, concedendo uno “scaricamento” quasi completo una volta al mese. Se vuoi seguire questo punto in maniera maniacale, metti in carica il telefono prima che la batteria scenda sotto il 30% ed evita di caricarlo a più riprese di pochi minuti. (l’articolo continua sotto l’offerta di alcuni nostri servizi professionali)

[nbox type=notice] Avete problemi con il vostro profilo, ve lo hanno “rubato” o ricevete avvisi da Facebook che qualcuno ha cercato di accedervi o di cambiare password? Per cercare di risolvere questi e altri problemi, contattateci senza impegno. Potete farlo tramite un messaggio alla nostra pagina o telefonicamente (in orari di ufficio) al numero 331.449.8368. CLICCA-QUIValuteremo insieme se necessitate di un semplice consiglio, magari tramite le oltre 1.200 note già pubblicate, o se per risolvere preferite essere seguiti passo passo tramite un servizio professionale di teleassistenza (ai nostri fan, ma solo a loro, costa pochi euro). Altre informazioni [/nbox]

4. Mantienilo al fresco

No, il tuo smartphone non è una barretta di cioccolato, non rischia di squagliarsi sotto il primo sole di primavera (inoltrata), la sua batteria agli ioni di litio, però, il caldo lo tollera meno di un husky a Tijuana. A seconda della quantità di calore (e delle temperature) a cui la esponete, la batteria del vostro smartphone può perdere dal 6% al 35% della sua capacità massima. Hai presente tutte quelle volte che l’hai lasciato a rosolare sul lunotto della tua auto? Ecco.

5. Fai a meno della vibrazione

Per vibrare in modo sufficientemente rumoroso da essere udito o percepito contro la tua coscia, il tuo smartphone ha bisogno di parecchia energia, sicuramente molta di più di quella necessaria a riprodurre una suoneria. Perciò, se hai bisogno di silenziare il tuo telefonino, meglio prendersi la briga di tenere lo schermo sott’occhio.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *