5 regole per rendere più popolari le tue foto

5-REGOLE-FOTOArriva dal MIT di Boston la prima ricerca basata non solo sull’influenza sociale degli autori delle foto ma anche sul contenuto delle immagini (colori, luminosità, soggetti e oggetti): selfie è ok, sexy ancora di più

Ammettiamolo: da quando ci sono gli smartphone, a scattare foto e diffonderle sul web siamo bravi tutti. Il problema nasce nell’istante successivo alla pubblicazione, quando il nostro sguardo inizia a fissare con speranza, trepidazione (e spesso sconforto) il contatore dei like su Facebook o Instagram.

La ricerca

Nell’arena dei social media la ricetta della popolarità è la nuova pietra filosofale: quella che tutti sognano, tutti inseguono, anche chi non lo ammetterà mai (ma intanto partecipa al gioco).

“What makes an image popular?”, “Cosa rende popolare l’immagine?”, è l’esplicita domanda che si sono posti tre ricercatori americani: Aditya Khosla del Massachusetts Institute of Technology, Atish Das Sarma degli eBay Research Labs e Raffay Hamid di DigitalGlobe. Per rispondere, hanno setacciato in profondità l’archivio del social network Flickr. L’analisi ha coinvolto 2,3 milioni di immagini, le relative views e ha permesso di sviluppare un algoritmo in grado di prevedere con una certa accuratezza la popolarità delle foto in base a due gruppi di parametri: il contesto sociale e il contenuto delle immagini stesse.

Secondo quanto spiega il sito del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (il laboratorio del MIT dove studia Aditya Khosla), qui sta la differenza rispetto alle precedenti ricerche che “si occupavano di prevedere la popolarità basandosi solo sull’influenza sociale degli utenti. L’algoritmo sviluppato da Khosla è invece il primo a estrarre un significato dai contenuti delle immagini, analizzando elementi come la luminosità, il colore o la natura degli oggetti rappresentati”.

Come scattare foto condivise da tante persone

Per chi vuole entrare nel dettaglio della ricerca, il .pdf è disponibile online in versione integrale. Per chi si accontenta di un bignami di consigli, alcune semplici regole scaturite dalle osservazioni sul corpus di immagini di Flickr vengono raccolte dal sito del CSAIL.

1. Meglio a colori

Puntare sui colori vivaci e sulla luminosità. Quando si chiede a una persona qual è il suo colore preferito, capita spesso di sentir rispondere verde o blu. Sarà anche così, ma su Internet like, condivisioni e contatti sembrano premiare soprattutto immagini dove dominano colori più vivaci e chiari, come il giallo e il rosa.

2. Essere sexy

Il sesso vende. La verità più lapalissiana, ben conosciuta tanto dagli utenti dei social network che nelle redazioni dei giornali. Khosla, Das Sarma e Hamid hanno stilato una lista di classi d’oggetti rappresentati nelle immagini su Flickr e li hanno ordinati in base alla popolarità delle foto. Al comando ci sono bikini, reggiseni e minigonne. Indumenti castigatissimi rispetto alla media di ciò che si vede online, ma pur sempre sexy.

3. Meglio in gruppo

Alla gente piace la gente. Le foto con persone trionfano su quelle senza. Il che potrebbe anche confermare un’altra temibile verità: l’ennesimo selfie ha più probabilità di diventare popolare rispetto a un bel paesaggio.

4. Scegliere il soggetto

Forse l’elemento più curioso della ricerca è la suddivisione di alcuni oggetti in quattro fasce di popolarità. Tra quelli che tendono a ottenere un effetto positivo (oltre ai citati reggiseni e bikini) ci sono le tazzine e le pistole; tra quelli che rischiano di stroncare sul nascere le velleità social della vostra foto ci sono i cinghiali, i catamarani e soprattutto i computer laptop e le spatole da cucina.

5. L’importanza del tag

I tag – cioè gli attributi che servono a “descrivere” le foto – funzionano. Anche solo per ragioni tecniche: permettono alle immagini di comparire più spesso nei motori di ricerca. Non tutti saranno d’accordo, ma forse in questo caso può valere il detto latino: melius abundare, quam deficere. (lastampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *