7 regole per vincere la dipendenza da Facebook 2

giovanifbIn Italia su 21 milioni di utenti il 38 per cento dichiara di “esagerare” nello stare a chattare. Il rischio dei “Mi piace”. I consigli per smettere in tempo

“Il 2 per cento delle persone che si rivolgono a noi dichiara di provare invidia per le foto sorridenti e felici dei propri amici, ciò li spinge a postare immagini di sé in compagnia di persone o comunque in situazioni piacevoli, per dimostrare di non essere da meno” continua Stano. “Spesso tale dipendenza nasconde dei disagi più profondi, l’obiettivo delle discipline analogiche sta nell’aiutare chi soffre a ricollegarsi con il proprio inconscio, aiutare a gestire le proprie emozioni attraverso il linguaggio dell’inconscio, un prezioso strumento di orientamento agendo sulle cause e non sul sintomo, riequilibrando così la sfera emotiva”.

Che fare dunque per evitare la dipendenza? Ecco le 7 regole messe a punto da AIDA:

  1. Ammettere di avere un problema. Una dipendenza è sempre il sintomo di una mancanza, di un vuoto che vuole essere colmato.
  2. Fissare l’obiettivo di ridurre drasticamente l’uso dei social network, visualizzarlo con desiderio e darsi una scadenza temporale mettendoci impegno quotidiano.
  3. Contare fino a 10 prima di collegarsi. E chiedersi se è davvero necessario che impieghi il mio tempo su facebook? In questo momento di pausa potrei dedicarmi ad altre attività?
  4. Disattivare le notifiche email
  5. Darsi un tempo massimo per stare sui social network
  6. Privilegiare le relazioni umane ‘vere’, nel tempo libero uscire all’aria aperta e riscoprire il piacere di una sana chiacchierata tra amici.
  7. Non parlare di facebook invano. E cioè quando non si è collegati e non impostare le conversazioni sulle notizie lette sul social network. (precedente)

Fonte: Corriere.it

Potrebbero interessarti anche...