Arriva in Italia il primo bancomat per Bitcoin

BITCOIN-BANCOMAT

E’ fissato per il 26 giugno il giorno del debutto del primo Bancomat Bitcoin italiano, e “partirà” dalla stazione Termini a Roma. Installata da Robocoin, sarà la macchina numero 21 in Europa.

Prima di utilizzare il Bancomat (alto due metri e pesante 500 chili) occorrerà registrarsi con un documento di identità e un numero di cellulare (tra le misure di sicurezza previste ci sono anche la scansione palmare e uno o più QR).

Sempre il 26 giugno, e la coincidenza non è casuale, si svolgerà il No Cash Day  la giornata mondiale contro il denaro contante, arrivata alla quarta edizione. I temi prescelti sono per l’appunto il Bitcoin e le criptomonete Per la prima volta, istituzioni, imprese e nuovi imprenditori avranno l’occasione di confrontarsi per discutere sulle prospettive di inserimento del Bitcoin nell’economia reale.

A proposito della moneta virtuale, una delle notzie che in queste ore stanno facendo il giro del mondo è che Expedia, l’importante per la prenotazione di viaggi in rete, ha annunciato che accetterà Bitcoin per i pagamenti di hotel.

Che cos’è il Bitcoin

Bitcoin (simbolo: ฿; codice: BTC o XBT) è una moneta elettronica creata nel 2009 da un anonimo conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, sviluppando un’idea dello stesso autore presentata su Internet a fine 2008. Il nome Bitcoin si riferisce anche al software open source progettato per implementare il protocollo di comunicazione e la rete peer-to-peer che ne risulta. Convenzionalmente, il termine Bitcoin maiuscolo si riferisce alla tecnologia ed alla rete mentre il minuscolo bitcoin si riferisce alla valuta in sé.

A differenza della maggior parte delle valute tradizionali, Bitcoin non fa uso di un ente centrale: esso utilizza un database distribuito tra i nodi della rete che tengono traccia delle transazioni, e sfrutta la crittografia per gestire gli aspetti funzionali come la generazione di nuova moneta e l’attribuzione di proprietà dei bitcoin.

La rete Bitcoin consente il possesso ed il trasferimento anonimo delle monete; i dati necessari ad utilizzare i propri bitcoin possono essere salvati su uno o più personal computer sotto forma di “portafoglio” digitale, o mantenuti presso terze parti che svolgono funzioni simili ad una banca. In ogni caso, i bitcoin possono essere trasferiti attraverso Internet verso chiunque disponga di un “indirizzo bitcoin”. La struttura peer-to-peer della rete Bitcoin e la mancanza di un ente centrale rende impossibile per qualunque autorità, governativa o meno, di bloccare la rete, sequestrare bitcoin ai legittimi possessori o di svalutarla creando nuova moneta. (wikipedia)

[nbox type=success] Avete problemi con il vostro computer, è diventato lentissimo, si aprono finestre strane o il mouse a volte si muove da solo senza che voi lo tocchiate? Per cercare di risolvere questi e altri problemi, contattateci senza impegno. Potete farlo tramite un messaggio alla nostra pagina o telefonicamente (in orari di ufficio) al numero 331.449.8368. BANNER-TELEASSISTENZAValuteremo insieme se necessitate di un semplice consiglio, magari tramite le oltre 1.200 note già pubblicate, o se per risolvere preferite essere seguiti passo passo tramite un servizio professionale di teleassistenza (ai nostri fan, ma solo a loro, costa pochi euro). Siamo in grado di risolvere la quasi totalità dei problemi in teleassistenza, senza che voi o il vostro computer lasci la vostra abitazione, controllando insieme a noi cosa viene fatto sul vostro sistema. Altre informazioni [/nbox]

Potrebbero interessarti anche...