Cancro, la prevenzione passa anche da Internet

prostQuando 25 anni fa Tim Berners Lee diede origine al World Wide Web non poteva immaginare che la sua innovazione tecnologica avrebbe rivoluzionato la vita di ognuno di noi. Ora, nuove ricerche rivelano che Internet è uno strumento utile anche nel campo della salute. L’ultima arrivata è quella pubblicata suCancer Epidemiology, biomarkers & Prevention, una rivista dell’ American Association for Cancer Research. Lo studio recentemente condotto da un gruppo di ricercatori dell’University College London ha cercato di stabilire l’associazione che intercorre tra l’utilizzo di Internet e l’adozione di comportamenti utili per la prevenzione del cancro negli adulti sopra i 50 anni.

La ricerca è stata condotta in Inghilterra nell’ambito del progetto English Longitudinal Study of Aging e  ha coinvolto 5.943 partecipanti a cui è stato sottoposto un questionario. I risultati hanno evidenziato come gli internauti più assidui siano più propensi ad adottare comportamenti responsabili. Ad esempio, uomini donne abituati a navigare sono due volte più disponibili a sottoporsi a uno screening colonrettale di chi invece non usa Internet e, in generale, sono più disponibili a praticare una moderata o intensa attività fisica settimanale, ad assumere di cinque o più porzioni di frutta e verdura al giorno, a fumare di meno. Tra i benefici di Internet dovremmo ben presto annoverare anche il miglioramento degli stili di vita.

Un’unica nota amara riguarda il cancro al seno. Lo studio non ha infatti rilevato alcuna relazione positiva tra l’uso di Internet e la partecipazione delle donne a screening per questa patologia.

Fonti: sciencedaily.com – André Junqueira Xavier, Eleonora D’Orsi, Jane Wardle, Panayotes Demakakos, Samuel G. Smith e Christian Von Wagner. Internet Use and Cancer-Preventive Behaviors in Older Adults: Findings from a Longitudinal Cohort Study, Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention, ottobre 2013. (unita)

Potrebbero interessarti anche...