Gare clandestine in moto via Facebook, 6 giovani denunciati

moto-fb-gareAttraverso il social network i ragazzi si davano appuntamento in un centro commerciale dove avvenivano le sfide. La polizia locale è intervenuta dopo diverse segnalazioni. Due dei denunciati sono minorenni

Organizzavano gare clandestine in moto attraverso Facebook all’interno di un centro commerciale di Zanica, nel Bergamasco. I ragazzi, in sella a motociclette di grossa cilindrata, si mettevamo in linea e uno di loro si metteva al centro e dava il via. A forte velocità le moto arrivavano in fondo a un rettilineo, frenavano bruscamente, invertivano la marcia e tornavano alla partenza. Il tutto alla presenza di una folla di ragazzi e senza che nessuno si preoccupasse della pericolosità delle corse.

Sulla base di alcune segnalazioni telefoniche alla centrale operativa della polizia locale di Bergamo, gli agenti hanno scoperto un gruppo di giovanissimi, dediti all’organizzazione di gare motociclistiche che erano annunciate da un ragazzo italiano, B.D.F 19 anni, il quale pubblicizzava i dettagli dell’evento (data, luogo e ora) su Facebook.

Quando sono intervenuti gli uomini della polizia locale, i due motociclisti in gara sono scappati come molti altri spettatori. Gli agenti sono però riusciti a fermare e identificare un gruppo di ragazzi e hanno anche sequestrato anche alcuni file dei video amatoriali delle gare, che si svolgevano anche lungo le vie cittadine, e che venivano condivisi tramite i social network. Sono stati denunciati per organizzazione di competizioni non autorizzate in velocità con veicoli a motore e partecipazione alle gare, un reato che prevede la reclusione da uno a tre anni e una multa da 25mila a 100mila euro. Due minorenni sono stati denunciati alla Procura dei minori di Brescia, gli altri alla Procura di Bergamo. (repubblica)

Potrebbero interessarti anche...