Perchè è meglio non fidarsi di pagine che vi costringono a condividere

Molti utenti (si parla di centinaia di migliaia) cadono nella trappola della “curiosità”.

Per poter visualizzare un contenuto (foto o filmati), solitamente esterno al social network, viene chiesto all’utente di compiere una serie di azioni (condivisione, MiPiace) che possono nascondere molte insidie.

Tramite il Clickjacking, infatti, non è difficile nascondere sotto finti pulsanti il nostro OK ad autorizzazioni ad applicazioni o gradimenti a pagine presenti sul social network.

I contenuti offerti sono immancabilmente sempre presenti già in rete, oppure sono completamente inesistenti.

Le pagine, inoltre, vengono contraffatte assumendo grafica e impostazione tipiche di siti quali Facebook, YouTube, Google, facendovi pensare di essere su server sicuri.

Perchè sono pericolosi

La tecnica utilizzata può avere molti scopi: si va da un semplice MiPiace estorto con l’inganno a veri e propri tentativi di Phishing o addirittura di TRUFFE (abbonamenti a cellulari, ad esempio, dove vi viene fatto credere che sia il social network a gestire le vostre informazioni, e vi viene richiesto il numero di telefono).

Se vi viene chiesto di aggiornare (tramite scaricamento a avvio) le applicazioni sul vostro pc per “visualizzare” filmati, state certi che si tratterà di malware o virus che potrebbero dare seri problemi al vostro sistema.

Evitate tali link, anche se i vostri amici ci sono cascati e avete per questo visualizzato il loro gradimento in homepage.

Controllate periodicamente quali siano le pagine di cui risultate fan e disiscrivetevi da quelle non solo inutili ma potenzialmente dannose:

* se avete un vecchio profilo, cliccate qui
* se avete già un nuovo profilo, cliccate qui

Per sapere chi c’è dietro (utenti evoluti)

Non è difficile scoprire quali siano i profili (o le applicazioni) che si celano dietro questi link esterni.

E’ sufficiente infatti visualizzare il codice sorgente della pagina (se è disabilitato il tasto destro del mouse, ad esempio su Firefox potete accedervi tramite la combinazione CTRL+U) per “leggere” l’ID collegato al sito.

Nelle righe troverete, di fianco al codice content fb:admins o fb:app_id, l’esatto ID del profilo o dell’applicazione che gestisce tutto.

Inserendo tale ID all’interno di questo comando [http://www.facebook.com/group.php?gid=INSERIRE-ID], in una nuova finestra del browser, visualizzerete l’entità che su Facebook ha generato e gestisce l’operazione.

In caso di applicazioni, sarete in grado di segnalarle e bloccarle. Per i profili (solitamente più di uno) potrete segnalarli per falso profilo (se il comando vi porta alla homepage, il profilo/applicazione è sicuramente già stato bloccato da FB).

Naturalmente, solo nel caso in cui vogliate farlo…

P.S. Se gradite le nostre note, cliccate cortesemente su MiPiace: capita infatti che alcuni individui le segnalino come offensive e le facciano sparire. Questa brutta abitudine è contrastabile SOLO manifestando il proprio gradimento tramite il MiPiace e la condivisione (se il gradimento è reale, naturalmente).

SeeYouSoon

Nota a cura di Claudio Cerroni (Hunch – Assistenza e Consulenza Informatica).

Iscriviti alla nostra PaginaAggiornamenti per essere sempre aggiornato sui problemi di Facebook. Se vuoi ricevere le nostre note anche nella posta (per non fartele sfuggire), iscriviti anche al gruppo CheckOnLine.

CheckBlackList | PaginaAggiornamenti | News | Facebook | Toolbar | WorkingOn

Potrebbero interessarti anche...