Virus e truffe, le 10 regole per navigare sicuri col computer

virus-truffe-10-regole

Firewall e doppia autenticazione. Backup e crittografia. Ecco il decalogo di regole per proteggere una rete domestica o un piccolo sistema informatico aziendale, grazie ai consigli degli esperti di Verizon e sulla base del loro rapporto 2014 sulla sicurezza informatica.

1. Installare, aggiornare e controllare il firewall

Più dell’antivirus per controllare se ci sono file infetti nel computer, oggi conta il firewall: il sistema per prevenire ed evitare che un attacco faccia breccia nel sistema. Un sistema che va controllato, aggiornato e testato periodicamente. «Avere un team dedicato alla sicurezza di server e reti è fondamentale, ma poche aziende, specialmente quelle più piccole, ne hanno uno», dice Christopher Novak, capo del team che ha curato il rapporto.

2. Monitorare costantemente lo stato dei sistemi

«Anche quando i sistemi sembrano sicuri – spiega Novak – potrebbero non esserlo. Spesso passano mesi prima che si scopra di aver subito un attacco informatico o una perdita di dati». Per evitare che accada, esistono programmi che monitorano gli accessi a una rete e segnalano quelli “insoliti”. Ma sulle reti piccole, gli accessi si possono controllare anche in modo manuale, magari a fine giornata.

3. Usare solo password efficaci e sicure

È l’errore più banale e forse quello più comune. No alle date di nascita, alle parole di senso compiuto, a nomi di figli, mogli, mariti, fidanzati/e. «E bisogna anche ricordarsi di cambiare la password standard che, spesso, i programmi e i server aziendali hanno, la prima volta che vengono installati», spiega l’esperto. «Anche questo è un errore che, sorprendentemente, viene fatto in continuazione».

4. Usare la doppia autenticazione

Quando è possibile, non ci si può più limitare a proteggere i propri dati dietro un nome utente e una password. Meglio attrezzarsi con sistemi di doppia autenticazione che – oltre alla parola chiave – chiedono una conferma tramite impronte digitali, o con un micro-dispositivo, oppure ancora con un pin da ricevere sul cellulare.

5. Imparare a navigare sicuri

Con la mole di informazioni che circola in una rete aziendale, anche piccola, non si può più pensare di lasciare che tutto venga rovinato da un clic sbadato o da una mail che non doveva essere aperta. Investire sulla formazione alla sicurezza informatica è importante tanto quanto installare un buon firewall.

6. Limitare il flusso informazioni verso l’esterno

«Le minacce non vengono solo da fuori, spesso a sottrarre dati sensibili sono gli stessi dipendenti o ex-dipendenti, per le ragioni più varie», spiega Christopher Novak. Per questo, la struttura di un’azienda deve prevedere anche diversi gradi di autorizzazioni e privilegi sui sistemi informatici.

7. Niente Facebook sul computer che controlla il POS

Ai terminali che controllano un sistema di pagamento con carta di credito o bancomat, in un negozio, bisogna fare particolare attenzione. Usare i social network, visitare siti non sicuri, in generale “aprire” troppo le porte di quella parte di sistemi è più che sconsigliato. (l’articolo continua sotto l’offerta di alcuni nostri servizi professionali)

[nbox type=success] Avete problemi con il vostro computer, è diventato lentissimo, si aprono finestre strane o il mouse a volte si muove da solo senza che voi lo tocchiate? Per cercare di risolvere questi e altri problemi, contattateci senza impegno. Potete farlo tramite un messaggio alla nostra pagina o telefonicamente (in orari di ufficio) al numero 331.449.8368. BANNER-TELEASSISTENZAValuteremo insieme se necessitate di un semplice consiglio, magari tramite le oltre 1.200 note già pubblicate, o se per risolvere preferite essere seguiti passo passo tramite un servizio professionale di teleassistenza (ai nostri fan, ma solo a loro, costa pochi euro). Siamo in grado di risolvere la quasi totalità dei problemi in teleassistenza, senza che voi o il vostro computer lasci la vostra abitazione, controllando insieme a noi cosa viene fatto sul vostro sistema. Altre informazioni [/nbox]

8. Occhio ai “login” ripetuti

Uno dei metodi ancora più usati per forzare l’accesso a un server o a un servizio online è quello “brute force”. Alla lettera sta per “forza bruta”, di fatto è una tecnica da hacker che prevede l’inserimento di migliaia di combinazioni diverse user/password, attraverso programmi che consentono di provarne tante in poco tempo. Per questo, dovunque c’è da fare un “login” è utile impostare un sistema che blocca ogni accesso dopo un certo numero di tentativi.

9. Crittografare i dati e fare backup regolari

Incredibile a dirsi, un sacco di guai informatici nasce dalla perdita o dal furto di un notebook, di uno smartphone, di un hard disk. Per questo, i documenti più sensibili e riservati vanno cifrati. Così, anche se qualcuno se li porta materialmente via, non potrà farci nulla. Altra regola capitale della vita digitale è la solita: invece di vivere nel timore di perdere dati e documenti, perché non conservarli, contemporaneamente, su più “magazzini” diversi?

10. Social ma non troppo

Una fetta, per ora piccola, degli attacchi informatici nasce anche sui social network. Un posto dove è facile farsi sfuggire qualche dato sensibile di troppo, senza poterlo poi ritirare. E allora occhio a cosa si dice agli “sconosciuti”, anche se sono amici virtuali. Chissà chi c’è, davvero, dall’altra parte… (fonte)

Potrebbero interessarti anche...