Bannata per aver pubblicato foto figlia al mare

FOTOGRAFA-BANNATA

E’ stata bannata dal social network per aver pubblicato una foto con la figlia di due anni. Lei è una giovane fotografa professionista, che voleva “ricostruire” la campagna pubblicitaria degli anni ’50 di un famoso olio solare.

La storia che vede protagonista un’incredula fotografa statunitense è l’ulteriore conferma che su Facebook è meglio non pubblicare mai foto – seppur innocue – nelle quali si immortalano bambini o bambine in particolari situazioni.

Tutto è iniziato quando Jill White, questo il nome della fotografa professionista, ha pubblicato su Facebook un’immagine nella quale riprendeva una campagna pubblicitaria degli anni ’50 della Coppertone e che vedeva inquadrata la figlia di due anni con il costumino tirato in giù: un’immagine che in effetti potrebbe essere considerata di nudo, prontamente segnalata al social network, che ha successivamente chiesto alla fotografa l’immediata rimozione.

Rimossa la foto, Jill l’ha ripubblicata, ma questa volta censurandola con uno smiley posto proprio nella zona incriminata: a quanto pare però, la censura applicata sull’immagine pubblicata dalla fotografa non è stata sufficiente dall’evitare un’ulteriore segnalazione al social network, che – anche in questo caso – ha contattato l’autrice dello scatto richiedendole formalmente la rimozione in quanto non in linea con  termini e le condizioni attuate nel social network.

La storica campagna pubblicitaria della Coppertone, che ha avuto il via negli anni ’50, vedeva protagonista una bambina alla quale un cane tirava giù il costumino: un’immagine innocua, anche secondo Jill, che ha voluto ricrearla e l’ha postata sulla pagina ufficiale dell’azienda.

“Ho postato l’immagine sulla pagina di Coppertone” – spiega la fotografa alla WBTV – “Ero convinta fosse carina, proprio perché ricreava la vecchia campagna pubblicitaria degli anni ’50″.

A quanto pare però non erano della stessa opinione alcuni utenti che hanno segnalato la foto al social network, e che dopo averla analizzata le ha inviato un messaggio chiedendole di “eliminarla, renderla non pubblica, oppure di ignorare l’avvertimento”.

Ed è quello che ha fatto: la fotografa ha – forse troppo superficialmente – deciso di ignorare l’avvertimento del social network. Una scelta sbagliata, che le è costata il ban da Facebook per ventiquattro ore.

Ma la storia raccontata da Jill White è diversa. E forse, in questo caso, la pubblicazione dell’immagine da parte della fotografa statunitense è stata fatta troppo superficialmente, sia per quanto riguarda il contenuto specifico del post, che per quanto riguarda l’aver ignorato un passaggio fondamentale incluso nei termini e nelle condizioni che, all’atto dell’iscrizione al social network, viene accettato da tutti gli utenti di Facebook: “Facebook ha una politica molto restrittiva per quanto riguarda la condivisione di contenuti pornografici o contenenti immagini sessualmente esplicite con minori” – si legge nel regolamento del social newtork – “Anche la regolamentazione circa la condivisione di immagini di nudo è molto restrittiva. Il nostro obiettivo è quello di rispettare il diritto di tutti nel condividere contenuti di personale importanza”. (fonte)

[nbox type=notice] Avete problemi con il vostro profilo, ve lo hanno “rubato” o ricevete avvisi da Facebook che qualcuno ha cercato di accedervi o di cambiare password? Per cercare di risolvere questi e altri problemi, contattateci senza impegno. Potete farlo tramite un messaggio alla nostra pagina o telefonicamente (in orari di ufficio) al numero 331.449.8368. CLICCA-QUIValuteremo insieme se necessitate di un semplice consiglio, magari tramite le oltre 1.200 note già pubblicate, o se per risolvere preferite essere seguiti passo passo tramite un servizio professionale di teleassistenza (ai nostri fan, ma solo a loro, costa pochi euro). Altre informazioni [/nbox]

Potrebbero interessarti anche...